Mi sento piccolo, piccolo così…

Capita di sentirsi piccoli, non all’altezza.

Nella vita quotidiana, durante un discorso, con una persona che non avevi mai considerato in grado di sostenere un discorso e che invece ti spiazza. Tutto questo esiste, lo viviamo tutti prima o poi ma è un’altra storia.

Questa volta il caso è: hai una compagna più alta di te.

Nel frattempo, tieni bene a mente che in orizzontale siamo tutti uguali, se non ti basta continua a leggere in verticale.

Mini guida di “autosollevamento” per non sentirti al di sotto di lei:

  • Nella botte piccola c’è il vino buono: ci sono uomini bassi se non bassissimi che stanno con donne moto più alte di loro e non se ne fanno un cruccio. Altri che, invece, lo vivono come un vero e proprio dramma, pur avendo una storia più che serena. In questo caso, è colpa della propria autostima che è pari all’altezza, cioè bassa. Il mio consiglio è: domandarsi cosa davvero ci disturba veramente;
  • Parlane con lei: a volte basta chiedere. Non pensare che sia sbagliato parlare di come ti senti con la tua compagna “stangona”, anzi, approfitta e domandale anche per quale motivo sta con te. Scoprirai numerosi aspetti positivi di te, che vanno al di là dell’estetica e non dimenticare che, forse, anche lei ha vissuto la sua altezza come un problema. Mai dare nulla per scontato;
  • Prendila con ironia: cerca di essere ironico, sdrammatizza il più possibile anche quando uscite o vi vedete con amici. Un atteggiamento divertente e divertito, ti aiuta a vivere non solo questa situazione ma tantissime altre più serenamente. In questo modo vedrai le cose meno grandi di come le senti e, soprattutto, eviterai di far diventare un problema (che poi non è un problema) una nevrosi, smettendo di fracassarti il cervello oramai saturo di film, che vedi solo tu;
  • Lei c’è: se hai una compagna dotata di cervello, sarà la prima ad usare un minimo di tatto, eviterà di usare tacco 12 e cercherà di metterti a tuo agio. Se proprio non dovesse arrivarci: chiedi. Domandare è lecito, l’importante è come lo si fa. Non essere drammatico, cerca di farle capire il tuo disagio con leggerezza e in modo spiritoso, vedrai che una quadra la troverete.

In attesa di guardarvi negli occhi, buon salto in alto.

Lara.

 

Leave a Reply